Accedi

Registrazione

Vedere altro nelle cose, ecco cos’è il VisualFood. E’ interrogare tutte le forme commestibili, aggiungere uno strato di fantasia, creare delle storie e delle combinazioni di sapori e colori ma con il principale scopo di mangiarle tutte!

È un nuovo modo di concepire l’allestimento dei piatti che coniuga estetica e funzionalità. Grazie ad un insieme di tecniche, il VisualFood fa sì che gli alimenti subiscano una metamorfosi e si trasformino in piccole opere d’arte in grado di procurare un piacere estetico pur lasciando inalterata la sostanza della materia e quindi la funzione e il valore dei cibi.

Il VisualFood è una vera e propria disciplina, nata dalla passione di Rita Loccisano, che coinvolge tutti i sensi: cattura lo sguardo con forme allettanti, conquista l’olfatto con intensi profumi, stuzzica l’udito con cibi freschi e croccanti, appaga il tatto con piacevoli manipolazioni e anche il gusto alla fine se ne compiace.

E’ una disciplina accessibile, alla portata di tutti. Una volta apprese le tecniche è facilmente riproducibile da chiunque;
 non richiede abilità particolari, né conoscenze propedeutiche; è economica, perché non richiede ingredienti pregiati e attrezzature costose. Per diventare esperti VisualFoodie non servono talenti particolari, basta avere passione, amore per l’arte del ricevere e un poco di pazienza iniziale, nella fase di apprendimento delle tecniche. Poi verrà tutto spontaneo.

Questo nuovo modo di approcciarsi al cibo sta ormai diventando un movimento e una comunità molto nutrita; una scuola di pensiero in ambito culinario a cui aderiscono quegli appassionati di cucina e creatività che hanno a cuore anche la sostenibilità e il rispetto per il cibo. Ed alla folta schiera di VisualFoodie, appassionati della pratica VisualFood, si sta unendo un crescente numero di Visualfoodist, praticanti a fini professionali che trovano nel VisualFood nuovi stimoli ed opportunità di offerta al pubblico. Tutti che hanno sposato e fatto proprie, oltre che le tecniche VisualFood, anche le regole che hanno guidato Rita Loccisano nella definizione di una disciplina che partisse da questi semplici ma importantissime 10 regole:

1. Proponiti di realizzare creazioni interamente commestibili e pronte per essere consumate.

2. Non usare materiali non idonei al contatto con il cibo e privilegia le sostanze naturali.

3. Usa gli attrezzi opportuni e maneggiali con la massima concentrazione, si lavora con utensili taglienti.

4. Non porti limiti rispetto a tecniche e ingredienti: tutto può diventare VisualFood. Tuttavia usa ingredienti che siano coerenti e funzionali al piatto che stai preparando.

5. Non sprecare cibo: curati di conservare gli avanzi e riutilizzare gli scarti.

6. Non privilegiare la forma a scapito del gusto.

7. Sii creativo: lasciati ispirare dalle forme, dai colori e dagli ingredienti.

8. Cura la tua formazione e la tua crescita.

9. Lavora divertendoti, a mente serena e con calma, per favorire il flusso di idee e il pensiero creativo.

10. Condividi i risultati: per essere ammirate, le opere devono essere esposte.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi